L'Amore che mi resta di Michela Marzano
23 Giugno 2017

L'Amore che mi resta di Michela Marzano

Michela Marzano sarà a Palermo - venerdì 23 giugno - alle ore 18.00 a Palazzo Brancoorte nella  "Sala dei 99" e a dialogare con lei ci sarà la giornalista Donata Agnello

Michela Marzano ha scritto un commovente romanzo sulla maternità. Affondando il bisturi nel dolore assoluto, trova le parole esatte per nominarlo. Ci racconta che siamo nudi, vulnerabili. Eppure, quando smettiamo di chiedergli salvezza, l'amore ci salva.

L'AMORE CHE MI RESTA

Il romanzo "L'amore che mi resta" racconta il dolore assoluto di una madre che perde una figlia. Giada si è uccisa, lasciando ai suoi cari un biglietto in cui chiede scusa, dice che non ce la faceva più «ad andare avanti», che il suo compagno «non c'entra niente», che mamma «è perfetta». Insieme a lei sembra morire anche Daria, la madre, che negli ultimi tempi si era accorta della tristezza di Giada, ma non della profondità del suo malessere. I genitori credono di conoscere i figli ma talvolta non vedono, o non vogliono vedere, la loro sofferenza. Giada è stata adottata quando aveva solo sei mesi. Quando a cinque anni e mezzo, seduta sulla sediolina rossa delle fiabe, inizia a conoscere la propria storia di abbandono, in lei si apre una ferita, che pian piano diventa voragine. Daria si sente in colpa per non aver capito, convinta com'era che l'amore bastasse a guarire ogni ferita, che una madre «perfetta» potesse salvare un figlio dal male. «Il mio errore è stato quello di pensare che il mio amore ti avrebbe salvata, esattamente come il tuo arrivo aveva salvato me». 

«La scrittura di Michela Marzano, icastica, frammentaria, composta di rapidi flash, solleva in alto la materia stessa del narrare, la sua intima felicità», scrive Marco Belpoliti, TTL - La Stampa“
Con il calore avvolgente di una melodia, Michela Marzano dà voce a una madre e al suo struggente de profundis. Scavando nella verità delle relazioni umane, parla di tutti noi. Del nostro desiderio di essere accolti e capiti, della paura di essere abbandonati, del nostro ostinato bisogno di amore, perché «senza amore si è morti, prima ancora di morire». 

Michela Marzano (Roma, 1970) è professore ordinario di filosofia morale all'Università Paris Descartes, editorialista de «la Repubblica» e autrice di numerosi libri tradotti in molte lingue, deputata alla Camera.
In Italia ha pubblicato, tra gli altri, Volevo essere una farfalla (2011), L'amore è tutto: è tutto ciò che so dell'amore (Premio Bancarella 2014), Papà, mamma e gender (2015). Per Einaudi ha pubblicato L'amore che mi resta (2017).