Blog

Pubblicato il 28 Ottobre 2011
Roberto Alajmo, MondelloGiovani, Teatro Biondo, 5 novembre alle 21.00, scrive: MONDELLOGIOVANI - FESTIVAL DELLA LETTERATURA GIOVANE - IV edizione

Roberto Alajmo, MondelloGiovani, Teatro Biondo, 5 novembre alle 21.00, scrive:

Una cosa che a Luca Crescente viene unanimemente riconosciuta è la capacità di indignarsi. La capacità di estrarre dal fodero la spada dell'indignazione e trovarla ogni volta lucida e tagliente. Una dote rara, che appartiene solo a chi non conosce stanchezza psicologica o scoraggiamento. Oppure, se li conosce, sa come superarli: la spada dell'indignazione, se usata spesso, tende a perdere il filo, si arruginisce, non taglia più. La sua, invece, a quanto pare risultava sempre intatta. Una dote che gli derivava direttamente dallo sguardo ingenuo che manteneva sulle cose. Lo sguardo di un bambino, capace ogni volta di sorprendersi e arrabbiarsi per le storture che vedeva nel mondo. È una qualità dello sguardo che normalmente va smarrita con l'adolescenza, man mano che la consapevolezza del mondo si fa sentire e diventa assuefazione. È come se una parte di Luca Crescente, lo sguardo, fosse rimasto in uno stato preadolescenziale. Una condizione felice, ma potenziale fonte di molte infelicità.

(da Tempo niente, Editori Laterza, 2011)

Commenti

18:56
31 Ottobre 2011
Fondazione Banco di Sicilia ha detto...

Roberto Alajmo è uno scrittore e giornalista siciliano che lavora alla Rai e collabora con numerose testate nazionali.
Roberto Alajmo, Paolo Giordano e Giorgio Vasta saranno i protagonisti del talk-show condotto da Dario Vergassola il 5 novembre alle 21,00 al Teatro Biondo, con la partecipazione di tre giovani autori (Vania Barozzi, MAttia Conti e Diego Dotari) dell'Università Iulm.

13:23
31 Ottobre 2011
Matteo ha detto...

Alajmo è quello che lavora alla Rai?

18:50
28 Ottobre 2011
emy ha detto...

E' una storia che merita di essere conosciuta. Emy

Lascia un commento